Archivio Eventi

Davide Faraone dà voce ai suoi silenzi più intimi e lo fa con l’amore profondo di un padre. Con gli occhi di Sara è lo straordinario racconto del rapporto con sua figlia Sara, una ragazza di sedici anni autistica.

L’autismo scoperto quando Sara aveva poco più di due anni e raccontato nelle fasi più importanti della sua vita. Il libro è l’occasione per l’autore di mettersi a nudo e di guardare il mondo con occhi scevri da ogni pregiudizio.

Le esperienze di padre e di uomo politico si intersecano con altre difficili storie di vita vissuta e con volti incontrati durante il suo cammino. Una narrazione intima e un’occasione unica per guardare con consapevolezza un futuro tutto da costruire.

All’incontro con l’autore, che si terrà a Foqus venerdi 25 settembre ore 19.30, interverranno Rachele Furfaro, Presidente di Foqus; Gigliola De Feo, attrice e direttrice artistica de “La Falegnameria dell’Attore”; modera Sergio Locoratelo, giornalista de La Repubblica.

Biografia

Ha iniziato la sua attività politica nella Sinistra Giovanile, nelle periferie palermitane (soprattutto all’ex Zen), occupandosi delle scuole della zona e ricoprendo il ruolo di senatore accademico.

Nel marzo del 2000 viene eletto all’unanimità segretario cittadino dei Democratici di Sinistra di Palermo.

Nell’autunno 2001 è tra i sostenitori della mozione congressuale vincente per l’elezione di Piero Fassino[4] e a novembre è eletto consigliere comunale a Palermo.

Deputato all’Ars
Nell’aprile 2008 viene eletto deputato all’Assemblea Regionale Siciliana nelle file del Partito Democratico, mantenendo la carica di consigliere comunale.

Dal 2009 al 2012 ha ricoperto l’incarico di capogruppo del Partito Democratico del Comune di Palermo, svolgendo, in questa veste, un ruolo di primo piano nella battaglia ostruzionista condotta in Consiglio comunale contro l’aumento della Tarsu.

In Parlamento
Alle elezioni politiche del 2013 viene eletto deputato alla Camera della XVII legislatura della Repubblica Italiana nella circoscrizione XXIV Sicilia 1 in quanto sesto nella lista del Partito Democratico.

Il 9 dicembre dello stesso anno diviene membro della segreteria nazionale del Partito Democratico, designato dal nuovo segretario nazionale Matteo Renzi, come responsabile del settore “welfare e scuola”. È stato tra gli organizzatori della Leopolda e si deve a lui la scelta del nome “Big Bang”, titolo della seconda kermesse fiorentina. Nel 2013 fonda ed è presidente di “Big Bang Sicilia”, associazione politico-culturale che si propone di animare la riflessione pubblica e alimentare la discussione sui principali nodi dell’innovazione politica ed economica dell’isola.

Dal novembre 2014 Faraone è Sottosegretario di Stato al Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca.

Tra le deleghe di Faraone, anche quella che riguarda la disabilità, un’attenzione che si è tradotta in una battaglia contro gli abusi della legge 104 nel mondo della scuola e in un intervento per migliorare il sistema di inclusione dei disabili nelle scuole italiane grazie alla delega della legge 107/2015 per il sostegno.

Il 29 dicembre 2016 viene nominato Sottosegretario alla Salute del Governo Gentiloni.

Alle elezioni politiche italiane del 2018 viene eletto senatore nella circoscrizione Sicilia.

Dal PD a Italia Viva
Il 18 settembre 2019 lascia il PD e aderisce a Italia Viva, il nuovo partito di Matteo Renzi, diventando capogruppo al Senato.

L’impegno nel sociale
Faraone è padre di Sara, una bambina autistica. Dopo un’iniziale fase di riservatezza, il Sottosegretario ha deciso di uscire allo scoperto, con un’intervista al Corriere della Sera, per poter diventare punto di riferimento nei confronti delle famiglie e dei genitori che condividono la stessa esperienza e per poter intervenire pragmaticamente per migliorare la qualità della vita di chi è affetto da autismo.

Dal 2015 diviene, infatti, Presidente della Fondazione Italiana Autismo, un organismo che ingloba associazioni che si occupano di questa disabilità, che promuove consapevolezza del disturbo, punto di riferimento per famiglie, insegnanti, territori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

cancella il moduloPost comment